martedì 16 dicembre 2008

feste per bambini

Volevo, qui soffermarmi ulteriormente, sulle feste per bambini, che stiamo continuando a fare con reciproca soddisfazione, nostra e dei nostri clienti. Vorrei chiarire, un punto che potrebbe generare qualche equivoco: noi non siamo animatori, nel senso letterale del termine.  Le nostre feste, non sono, e non possono essere delle feste dove i bambini, ballano con la musica sparata al massimo volume, dove corrono come ossessi per tutta la sala. Chi ha anche una minima conoscenza dei cani, saprà certamente, che musica ad alto volume, e bambini che corrono e gridano, sono fonte di grande stress per Fido. Le modalità dei nostri interventi, sono ben specificate su altri post di questo blog. Vi preghiamo di leggerli attentamente e di tenerne conto, prima di decidere di chiamarci, per evitare possibili equivoci futuri. 

martedì 2 dicembre 2008

IL CUCCIOLO



Ecco, il mio primo libro di educazione cinofila dal titolo " IL CUCCIOLO" , Guida ad una serena convivenza con Fido.  Il libro, è un opera che spazia a 360° il pianeta cucciolo, dalla scelta, all'acquisto, alla sua educazione. Il vostro cucciolo fa ancora i bisognini in casa ?  Rosicchia ogni cosa? Scava in giardino?  Volete un cucciolo amichevole con le persone e con gli altri cani? Che possa giocare tranquillamente con i bambini senza alcun problema? Che torni sempre quando lo chiamate? Che non tiri al guinzaglio? Che non salti addosso per i saluti? Questo è il libro giusto per voi! Chiunque fosse interessato, può leggere l'anteprima, lasciare commenti, ed eventualmente acquistarlo su www.ilmiolibro.it


martedì 18 novembre 2008

Alleniamo le menti dei nostri cani


Ho scritto in precedenza un articolo sull'importanza di una buona attività fisica per i nostri cani, oggi vorrei soffermarmi brevemente sull'importanza della stimolazione mentale di Fido.
I cani amano i giochi che propongono una sfida da vincere, un puzzle da risolvere.  Il clicker training è indubbiamente l'ideale da questo punto di vista, attiva i cani mentalmente, li stimola a risolvere il quiz che li porterà all'agognata ricompensa. I cani possono sperimentare nuovi comportamenti, certi che in caso di errore non saranno in nessun caso rimproverati o peggio ancora puniti. Non ci sono limiti alle cose che i cani possono imparare attraverso il clicker training, l'unico limite sta probabilmente nella fantasia e nella creatività dell'istruttore. Mediante il clicker training i cani imparano ad imparare, le loro menti si aprono, c'è un momento magico in cui sembra scocchi una scintilla nella mente del nostro cane che come d'incanto tira fuori il comportamento desiderato.  Solo chi ha provato ad insegnare al proprio cane attraverso il clicker training sa probabilmente di cosa parlo. Sto parlando di cani che riescono a tirar fuori un nuovo comportamento a volte anche complesso in pochissime battute, di cani la cui intelligenza e perspicacia finisce per sorprendere anche chi come me ha fatto dell'addestramento di fido  la propria vita , il proprio lavoro.  Siate dunque volenterosi e armatevi di un clicker, un sacchetto pieno di gustosi bocconcini e tanta, tanta passione e creatività. Vi assicuro non ve ne pentirete, vi assicurerete invece dei momenti di grande divertimento insieme al vostro più caro amico: il vostro cane!

lunedì 27 ottobre 2008

Corso per educatori - istruttori cinofili

Sono aperte le iscrizioni al corso per educatori - istruttori  cinofili che si terrà a partire dal mese di dicembre 2008 . Il corso è realizzato in collaborazione con l'associazione " Un cane per Amico"  di Agrigento. Per maggiori informazioni e per ricevere via mail il programma del corso potete contattarci va email. 

venerdì 24 ottobre 2008

Insegnare l'inibizione del morso

Passo qui ad un argomento molto importante, ovvero come insegnare al tuo cucciolo ad inibire il proprio morso, ovvero ad avere una bocca morbida quando morde. 
Questo insegnamento dovrebbe già essere stato impartito ai cuccioli dalla madre dai 30 ai 60 giorni di età, quando in linea di principio, il cucciolo dovrebbe essere adottato dai nuovi proprietari. Qui entriamo in gioco noi!  Dai 60 giorni e fino ai tre mesi di età è buona cosa giocare con il cucciolo permettendogli di mordicchiare le nostre mani, cosa che al piccolino di solito piace tanto, quel che è di fondamentale importanza in questo gioco però è giocare seguendo delle regole precise: se il cucciolo stringe le sue mascelle gridate" ahi" come se vi avesse fatto davvero male e terminate il gioco per uno o due minuti. Quello che volete ottenere è che il cucciolo pensi che la nostra pelle è davvero molto sensibile e che quindi deve fare molta attenzione quando gioca insieme a noi a questo gioco. Un errore comune è quello di punire il cucciolo quando ci mordicchia le mani, questo insegna a Fido a non mordicchiare le mani di chi è in grado di punirlo per cui egli sposterà la sua attenzione su chi invece non lo punisce, magari i nostri bambini, e per giunta in questo modo non stiamo fornendo  al nostro cane nessun tipo di addestramento riguardo all'inibizione del morso. E' invece assolutamente indispensabile che entro i 4 - 5 mesi di età Fido abbia imparato ad inibire il proprio morso. Un ottima idea in questo senso potrebbe essere iscrivere il piccolino ( intorno ai 3 mesi di età) ad  una puppy class, dove Fido giocando con altri cuccioli impara a comunicare con i propri simili, ad inibire il proprio morso e riceve una prima educazione da parte degli istruttori. 
Solo in un secondo momento sempre intorno ai 3 - 4 mesi dovremo lavorare per fare in modo che il cucciolo diminuisca la frequenza dei suoi morsi, mordicchiandoci magari solo dopo nostro segnale, e che in ogni caso smetta immediatamente di mordicchiarci quando noi glielo chiediamo.

martedì 7 ottobre 2008

i rinforzi

Non voglio adesso dilungarmi si rinforzi positivi e negativi, sul perchè usare uno piuttosto che l'altro, chi ha avuto la bontà di leggermi fino adesso avrà certamente compreso che sono un convinto sostenitore del rinforzo positivo e uno strenue avversore di quello negativo. 
Vorrei invece parlare dell'importanza di avere in mano le carte giuste per fare un buon addestramento. Mi spiego meglio. E' assolutamente necessario che nell'addestramento del vostro cane voi abbiate accesso e disponibilità al  rinforzo n. 1 per  Fido in quel momento. 
Come ogni essere vivente il vostro cane avrà delle preferenze anche in materia di rinforzi. Ad esempio un mio cliente recentemente mi parlava della difficoltà di lavorare con il suo cane ( uno splendido pastore tedesco di 20 mesi) in giardino perchè Fido era troppo distratto dalle pietre con cui si divertiva a giocare.  E' abbastanza  chiaro in questo caso che il rinforzo n. 1 per il cane erano le pietre e non i gustosi bocconcini che il mio ignaro cliente aveva nel marsupio. Cosa fare allora in questo caso? Le soluzioni sono due: o cambiare il posto e lavorare dove il rinforzo n. 1 sia per il cane quello che noi abbiamo in mano ( bocconcino, pallina, salamotto in yuta) oppure sfruttare a nostro vantaggio i desideri di Fido. Nel secondo caso dobbiamo semplicemente conservare i bocconcini e utilizzare le pietre come rinforzo. Il cane amava giocare ad un gioco dove il proprietario lanciava la pietra e lui la andava prendere, anche se poi non la riportava indietro. Dare al cane un comando, e solo dopo che questi lo aveva eseguito correttamente e aver dato il " bravo " ( rinforzo condizionato) lanciare la pietra, si è rivelato un ottimo sistema per lavorare con il cane in presenza delle pietre.
Più in generale, dobbiamo comprendere che come proprietari , abbiamo l'opportunità di gestire ogni cosa che piace al nostro cane, cibo, passeggiata, gioco, etc. e dobbiamo essere capaci di sfruttare ognuno di essi  come rinforzo per l'esecuzione di un comportamento ben fatto. Questo è un ottimo sistema per non dover premiare il cane con un bocconcino ogni volta che esegue un comando e nello stesso tempo esercitarsi in tante piccole sedute di addestramento. Ricorda: ogni cosa che il tuo cane vuole in quel preciso momento diventa un rinforzo primario, a te il compito di sfruttarlo a tuo favore per il suo addestramento. 

sabato 27 settembre 2008

Pet therapy (AAA) feste di compleanno per bambini

Chi ha avuto la bontà di leggere i miei articolo fino adesso sa che ho già presentato l'idea delle feste per bambini animate dalla mia Fatina. Qui oggi vorrei fare un piccolo ma fedele resoconto delle prime esperienze fatte in questo campo.
Devo dire che c'è stato un entusiasmo generale, sia tra i bambini che tra i genitori, che mi ha in parte sorpreso. Devo confessarvi che se da un lato ero più che certo del nostro lavoro e dalla bravura della nostra Fata, dall'altro ero un  pò scettico riguardo all'accoglienza che la nostra idea avrebbe avuto e tra i genitori, alcuni da sempre molto apprensivi e riottosi riguardo al far giocare i loro bambini con un cane, e tra i ristoratori dove di solito questo tipo di festicciole vengono organizzate. Devo affermare con piacere che fino ad adesso, gli uni e gli altri hanno accolto con curiosità prima e con grande entusiasmo dopo il nostro lavoro e questo ci ha enormemente gratificato, probabilmente ben oltre il compenso pattuito per la prestazione.
Ma vorrei qui soffermarmi sui bambini, letteralmente entusiasti, coinvolti al 100%, seduti attenti ad ascoltare le nostre istruzioni su come approcciarsi al cane, su come carezzarlo, su come spazzolarlo, su come fargli eseguire dei piccoli esercizi tramite il clicker. 
E l'aspetto più bello è che la cosa funziona allo stesso modo sia con bambini molto piccoli, 4 - 5 anni che con quelli un pò più grandi 8 - 10 anni. Questo senza dubbio per la grande capacità di attrazione del cane e per il piacere che tutti noi abbiamo di giocare con lui a tutte le età. 
Oltre a questo vorrei sottolineare ulteriormente l'aspetto educativo della cosa, dove oltre a dare delle  semplici informazioni su cosa fare o non fare in presenza di un cane, abbiamo potuto notare il repentino cambiamento nel comportamento di qualche bambino, inizialmente titubante o addirittura molto spaventato all'idea di avvicinarsi ad un cane e dopo poche ore, alla fine della festa, capace addirittura di accompagnarci all'auto attorniato da tutti gli altri bambini , conducendo Fata al guinzaglio e producendosi in affermazioni di rammarico per la fine a suo dire così repentina della festa . 
Che altro dire: siamo ovviamente molto soddisfatti e orgogliosi del lavoro fatto e stiamo già pensando a nuove idee, non ultima l'inserimento del nostro nuovo cucciolo di border collie ,Baloo all'interno del programma. 

venerdì 19 settembre 2008

Giocare con il cane


Ho deciso di scrivere questo articolo nella consapevolezza dovuta alla mia esperienza che molta  gente non ha la minima idea di come giocare con Fido.
L'aspetto ludico è senza alcun dubbio molto importante per creare un buon rapporto cane - padrone, uomini e cani hanno in comune tra le altre cose la capacità di giocare e di divertirsi anche in età adulta, questo essere sempre bambini, e giocare con il nostro cane è quindi davvero gratificante per noi e per i nostri cani.
Ma come giocare con Fido? 
Molte persone quando chiedo se giocano con il loro cane mi dicono di no, altre mi parlano genericamente di giocare a rincorrersi, gioco che non consiglierei di fare per evitare che in  Fido scatti l'aggressività predatoria. Ricordate che un per un cane di solito chi corre o è un preda o è un predatore. 
In realtà ci sono tanti giochi che potete fare con fido: dal combattimento amichevole, con lo straccetto o il salamotto in iuta, all'andare a nascondervi facendovi cercare dal cane , al gioco del farvi seguire , rinforzando fido per venire dietro di voi,  al gioco del riportare una pallina,  al gioco del richiamo, chiamando Fido e rinforzandolo ogni volta che torna da voi.
Senza contare che il gioco stesso può diventare esso stesso un rinforzo, potreste ad esempio fare il gioco del farvi seguire e rinforzare Fido con il combattimento amichevole per avervi seguito, fare il gioco del nascondino e rinforzare argo  lanciando un pallina per avervi trovato. 
Ricordate che un rinforzo è qualunque cosa piaccia al vostro cane, ed agite di conseguenza. 
Non trascurerei sempre a proposito dei giochi, l'utilizzo dei giochi tipo kong, che possono essere riempiti di cibo, e aiutano Fido ad imparare cosa gli è permesso masticare, alleviando nel contempo la noia e lo stress quando non ci siete, o altri giochi di attivazione mentale oggi in commercio che propongono a Fido dei quiz da risolvere per arrivare all'agognato bocconcino. 
Vi esorto quindi a giocare con i vostri cani, facendo dei giochi divertenti ed educativi che vi diano dei momenti di divertimento e di relax ma che vi aiutino nel contempo a migliorare il rapporto con il vostro cane e che possano diventare la base per un lavoro educativo futuro.


lunedì 18 agosto 2008

Spettacolo cinotecnico alla expo amatoriale di Ispica

Sabato 30 Agosto in occasione del meeting cinofilo città di Ispica ci siamo esibiti in uno spettacolo  cinotecnico con la nostra Fatina. Lo spettacolo ha riscosso un notevole successo tra i numerosi presenti. Un vivo ringraziamento va all' amico  Orazio Monaco per l'ospitalità riservataci.

mercoledì 13 agosto 2008

Spettacolo Cinotecnico a San Biagio Platani

Domenica 10 Agosto in occasione dei festeggiamenti di Maria SS del Carmelo  abbiamo svolto uno spettacolo cinotecnico di piazza concernente in una dimostrazione di obedience, del cane di assistenza a disabili motori e di zooantropologia (AAA) coinvolgendo alcuni bambini in giochi di interazione con la nostra cagnolina  Fatina.  La manifestazione, organizzata dalla " Confraternita Misericordia di San Biagio Platani" ha riscosso un notevole successo.

giovedì 17 luglio 2008

i cani sono pericolosi

Ebbene si, lo ammetto i cani sono pericolosi! Essi mordono, mordono le persone adulte e mordono anche con maggiore frequenza i bambini! 
Certo è estremamente raro che i morsi causino grossi danni tali da portare anche alla morte del povero malcapitato, e per dirla tutta i poveri cani sono molto meno pericolosi rispetto a qualunque attrezzo di cucina, rispetto alle auto, rispetto ai pattini, ad un pallone, alle ciabatte alle scale a pioli e chi più ne ha più ne metta. Se andiamo a vedere le statistiche degli incidenti noteremo che i cani perdono per grandissimo distacco  in termini di pericolosità rispetto ad ognuno di questi oggetti di uso comune.  Per farla breve, i casi di cani che mordono provocando dei seri danni sono casi estremamente rari, soprattutto se rapportati alla grande popolazione canina con cui oggi conviviamo.
Eppure, periodicamente l'opinione pubblica indice crociate contro i cani, e i nostri governanti indignati, spalleggiati dall'esperto di turno indicono leggi sempre più severe contro i poveri cani, bandendo questa o quella razza,  facendo spesso di tutta l'erba un fascio, inserendo l'obbligo della museruola, e tanto altro.
Vorrei esprimere un concetto molto chiaramente: per quanto potremo sforzarci di intraprendere un cammino proficuo  verso la prevenzione di questi incidenti, e vi posso assicurare che in questo campo siamo molto indietro, non potremo mai evitare che capiti qualche incidente di percorso. Giusto come per fare un esempio che mi sembra calzi a pennello  per quanto le case automobilistiche si sforzino a costruire macchine sempre più sicure, non  arriveranno mai ad evitare qualche incidente. 
Cosa vogliamo fare allora: rinunciare alle auto, rinunciare ai cani, perdendo in un colpo solo oltre che ad un amico fedele anche un perfetto ausiliario nel campo della ricerca di persone scomparse, di assistenza ai disabili, delle forse di polizia, e tutto il resto?
E' certamente giusto fare una corretta prevenzione affinchè questi incidenti pur così rari vengano ulteriormente ridotti, con una corretta informazione sul pianeta cane a partire dall'età scolare, con una corretta informazione anche dei genitori, con una corretta gestione dell'allevamento che dovrebbe inserire nei programmi di riproduzione solo cani equilibrati, con una corretta informazione dei proprietari che devono avere ben chiaro che è una loro responsabilità educare il cucciolo affinchè sia perfettamente a suo agio in presenza di persone estranee. di bambini, degli altri cani, che abbia una buona inibizione del morso. Ebbene, quante di queste vengono fatte oggi per prevenire il problema? Vi rispondo io: ben poche! Si pretende che il cane sia educato, impari determinate cose da solo, magicamente, e poi si interviene indignandosi e promuovendo leggi speciali una volta successa la frittata.  Non mi sembra un modo corretto di agire. 



venerdì 4 luglio 2008

il perchè di un cane

Recentemente una mia cliente, venuta insieme al figlio a chiedere informazioni su vari corsi, ha iniziato una discussione filosofica del perchè prendere un cane, quali benefici ci porta un cane e così via discorrendo. Devo dire in tutta onestà che ho trovato encomiabile e molto forte la passione del bambino verso i propri cani, mentre la madre mi è sembrato tenesse i cani più per  accontentare il figlio che per un proprio piacere personale. 
Ammetto che la domanda mi ha colto un pò alla sprovvista, ma le motivazione per cui ognuno di noi alleva un cane possono essere molteplici e ognuna la più disparata e diversa dall'altra.
Io posso parlare dei miei perchè!  
Io allevo i cani praticamente da sempre, li allevo perchè mi piacciono, adoro il modo in cui mi osservano quando mi muovo per il giardino affaccendato nelle faccende domestiche e loro non mi tolgono mai gli occhi di dosso scrutando ogni mio movimento. 
Adoro come mi fanno le feste quando rientro in casa anche solo dopo poche ore di assenza, adoro carezzarli, coccolarli, accudirli, constatare giorno dopo giorno l'amore che nutrono nei miei confronti.
Mi piace stare insieme a loro, giocare con loro, addestrarli,  mi sento profondamente gratificato quando finalmente riesco ad insegnare loro un nuovo comportamento,  godo della loro compagnia, della loro intelligenza della loro perspicacia.
Più in generale, i cani ci donano il loro immenso affetto, ci aiutano a superare i momenti difficili , sanno comprendere il nostro stato d'animo e ci sono di conforto quando siamo un pò giù di morale. Alcuni studi hanno poi stabilito che chi possiede un cane è meno soggetto ai rischi delle malattie cardiovascolari, che carezzare un cane ci rilassa e diminuisce il nostro livello di stress, che chi gioca con un cane conserva una maggiore capacità di godere la vita, di giocare anche in età più avanzata. 
Oggi che è così difficile trovare un amico sincero, possedere un cane è ancora più importante, è un grande dono nelle nostre vite, mi auguro saremo in grado di conservarlo a lungo dandogli il giusto peso, il giusto valore. 
Antonio Sciarratta

lunedì 16 giugno 2008

Expo Catanzaro




Fata 1° ECC. CAC e BOS  alla nazionale di Catanzaro. Con questo CAC la nostra Fatina porta a termine il percorso che la porta al conseguimento del titolo di : CAMPIONESSA ITALIANA DI BELLEZZA!!

mercoledì 11 giugno 2008

La socializzazione precoce dei cuccioli


Vorrei qui evidenziare un aspetto veramente importante per la vita futura del vostro cane: la necessità di dargli un ottima socializzazione.
Il periodo di socializzazione va dai 3o ai 120 giorni, in questo periodo come dice la stessa parola il cane ha bisogno di socializzare. Se avete adottato un cucciolo di otto settimane, avete la necessità di farlo socializzare con il maggior numero di persone possibile entro i primi tre mesi di vita. Mi direte che in questo periodo è impossibile portarlo fuori a conoscere tante persone per il fatto che il cucciolo non ha ancora terminato il ciclo di vaccinazioni ed è quindi ancora soggetto a prendere delle terribili malattie. Penserete di aver segnato un punto a vostro favore, ma non è così. In Inghilterra, negli Stati Uniti, nei paesi dove la cinofilia è più evoluta, la gente organizza addirittura dei party per permettere al proprio cucciolo di incontrare più persone possibili. Questa potrebbe essere un idea, ma anche se non volete arrivare a tanto, potete in ogni caso invitare i vostri amici per una pizza o per guardare una partita di calcio alla tv ed approfittare dell'occasione per farli interagire con il vostro giovane amico. Potreste invitare i vostri vicini, gli amichetti dei vostri bambini, portare il cucciolo nel vostro posto di lavoro, come vedete, avete un certo numero di possibilità per fare in modo che il vostro cucciolo impari a sentirsi a proprio agio in presenza di persone estranee.
L'interazione cane, persona estrenea deve essere sempre positiva per il cucciolo, senza alcun trauma, il vostro ospite va dunque indottrinato su cosa fare, cioè, deve accosciarsi per diventare più piccolo e non incutere timore nel cucciolo, e quando il cucciolo si avvicina deve elargire il classico bocconcino. Ricordate che il cucciolo non è molto bravo a generalizzare per cui ha bisogno di incontrare persone di età e sesso diverso. Giovani, adolescenti, anziani, uomini, donne, bambini e bambine di fascia di età diverse, dai 2 ai 5 anni e dai 5 ai 10 anni ed anche i  bambini vanno ovviamente istruiti su come comportarsi in presenza del cucciolo.
La conseguenza di una socializzazione non adeguata sarà quella di un cane che non si sentirà a proprio agio in presenza di persone estranee, che ne avrà timore e che di conseguenza potrebbe anche mordere con le conseguenze del caso per il malcapitato , per voi  e per il povero cane. 
A nulla valgono scuse quali: non ho tempo, non voglio che il mio cane diventi amichevole con le persone perchè deve fare la guardia o la difesa. Questi sono due aspetti del tutto diversi che non hanno nulla a che fare con la socializzazione, un cane che avrà timore degli estranei non sarà  necessariamente un cane da guardia migliore, quello è un aspetto del carattere del cane che ha più a che fare con la territorialità e la vigilanza e un cane da difesa va addestrato a difendere ma quel che è certo che deve essere un cane sicuro e assolutamente a suo agio in presenza di qualunque estraneo.
Vi confesso che sono tanti i casi di persone che si rivolgono  a me per risolvere il problema di un cane aggressivo che morde, che si sente insicuro in presenza di persone che non conosce per la mancanza di una buona socializzazione. Quel che è drammatico è che adesso il cane ha un grosso problema non facilmente risolvibile che necessità di un grande lavoro dagli esiti incerti per quanto riguarda una guarigione totale, e delle spese che la maggior parte dei proprietari non sono in grado o non vogliono spendere. Questo mentre invece il lavoro da fare con il cucciolo è assolutamente semplice, divertente ( migliora anche la vostra vita sociale) e dagli esiti assolutamente certi. 
Un ultimo consiglio, non perdete tempo a socializzare il vostro cucciolo, ogni giorno che passa è un giorno perduto ed un passo in  più verso un futuro grigio per voi e per il vostro cane.

lunedì 19 maggio 2008

expo Modica


Ancora un successo per la nostra piccola  border collie  " fata"  capace di conseguire in appena due giorni 2  cac e 2 migliori di razza alle due esposizioni nazionali di Modica del 17 e 18 Maggio 2008. Successo ulteriormente impreziosito dal 3 ° posto al raggruppamento conseguito alla expo del 17 maggio. Che dire: siamo molto soddisfatti, e ulteriormente orgogliosi di possedere un cane che coniuga il bello e il bravo, davvero il cane ideale!

sabato 10 maggio 2008

collari


Sono stanco di dover giornalmente combattere una battaglia contro coloro che addestrano i cani mediante i collari . Mi chiedo come è possibile che la gente così sensibile e così pronta a sviscerare il proprio amore per il proprio  cane, poi non esiti a mettere un collare a strangolo, a punte, elettrico al cane per provvedere alla sua educazione. Possibile che nel 2008 , in un era così tecnologica, dove in ogni famiglia c'è un computer e dove tutti utilizzano internet, la gente non si prenda la briga di informarsi, di navigare nei vari siti cinofili, prima di scegliere  che tipo di strumenti utilizzare per addestrare il proprio cane? Sono stanco di sentire le balle di taluni che dicono di adoperare il metodo gentile basato sul rinforzo positivo e poi montano al cane un collare a punte per insegnargli a camminare al guinzaglio correttamente. Non si può affermare che ogni strumento può essere utile purchè se ne faccia buon uso con un collare a punte. Non può esistere un buon uso di un collare a punte, come non può esistere  un buon uso di qualsiasi strumento di tortura, di un qualsiasi strumento che infligge dolore, che causa ansia, paura, terrore. Davvero volete addestrare i vostri cani in questo modo? In ogni lavoro ci sono delle nuove metodologie, ed ogni serio professionista ha il dovere professionale di aggiornarsi, di essere al passo con i tempi, di tornare a studiare se è necessario, non si può rimanere ancorati a vecchie tecniche, come si suol dire chi si ferma è perduto! Ogni proprietario ha il dovere morale di sapere, di essere perfettamente informato, sulle tecniche di addestramento, sui vantaggi e sugli svantaggi di ogni tecnica e scegliere per il meglio, tenendo nella dovuta considerazione innanzitutto la salute del cane.  Vedere persone che girano con Fido al guinzaglio, strattonandolo ad ogni metro con un collare a strangolo,  senza tra l'altro ottenere alcun risultato, è qualcosa di assolutamente ingiustificabile.  Dimostrate con i fatti di amare i vostri cani, gettate nella spazzatura collari a strangolo, a punte, elettrici, acquistate una semplice pettorina e recatevi da un professionista serio, ce ne sono diversi in ogni parte d'Italia, un professionista che in quanto tale si aggiorna, studia continuamente, si mette continuamente in gioco, non ha paura di andare incontro al progresso, non rimane ancorato a vecchi sistemi obsoleti solo perchè non ha voglia di rimettersi a studiare, o magari perchè convinto di sapere già tutto e di non aver niente da imparare, quale presunzione! Nella vita non si smette mai di imparare, pensate per un attimo ai progressi fatti dalla medicina negli ultimi 50 anni e rapportatelo nel campo dell'addestramento canino. Vi assicuro che grandi progressi sono stati fatti anche qui, quindi, per favore, informatevi, girate, parlate con più persone, prima di decidere come addestrare il vostro cane, scegliete cosa è meglio per lui e per voi, farete un grande favore ad entrambe, al vostro cane che potrà imparare serenamente e a voi stessi che sarete gratificati dal miglioramento del vostro rapporto con Fido e dal vederlo davvero felice di imparare e di riuscire finalmente a soddisfare le vostre aspettative. Dopo tutto basta questo a renderlo un cane felice!
Antonio Sciarratta

domenica 4 maggio 2008

Pet therapy alla casa di riposo " raggio di Sole" di san Biagio Platani


venerdi 2 maggio, ci siamo recati presso la casa di riposo " Raggio di Sole" di San Biagio Platani per un incontro di pet therapy consistente in attività ludico ricreative cane ( la mia border collie fata) anziano. All'incontro hanno partecipato anche diversi bambini, parenti degli ospiti della casa di riposo e dello staff degli operatori. Ne è venuto fuori qualcosa di davvero carino, con bambini ed anziani coinvolti nei giochi, nel divertimento negli applausi. Da questo punto di vista, davvero l'uomo ha la grande capacità di divertirsi giocando a tutte le età, come il cane del resto. Ci siamo sentiti davvero molto gratificati nel vedere gli anziani sorridere e divertirsi, tornare bambini insieme ai bambini, è stato davvero gratificante regalare loro un sorriso ed un pomeriggio diverso dal solito tran tran, all'insegna dello svago e del divertimento. 
Antonio Sciarratta

domenica 20 aprile 2008

cani e bambini un modo carino di farli conoscere



Era un idea che mi frullava in testa da un pò di tempo, forse retaggio dei miei anni giovanili quando animavo le feste dei bambini. Perchè non unire le due cose: cinofilia e bambini. Sappiamo tutti quanto è importante socializzare i nostri cani con i bambini, e sappiamo quanti incidenti si sarebbero potuti evitare se solo ci fosse stata un tantino di conoscenza reciproca in più. La mia idea è dunque perchè non rianimare le feste dei bambini utilizzando però il mio cane come attrazione? Fata, la mia border collie è socievole con tutti, in special modo con i bambini, abbiamo lavorato insieme in tanti progetti di pet therapy  nelle scuole elementari e medie della  provincia di Agrigento, abbiamo lavorato anche con bambini diversamente abili, e quindi ci riteniamo più che pronti anche per intraprendere questa nuova avventura.
Abbiamo preparato dei giochi davvero molto divertenti ( ricerca di oggetti, ricerca di persone, trasporto di messaggi, riporti, discriminazione olfattiva) aventi come protagonisti cane e bambini. Ma qui mi piace anche evidenziare l'aspetto educativo, intanto l'incontro positivo cane - bambino, e poi l'insegnamento di come carezzare un cane, di come approcciarlo, di cosa fare o non fare in presenza di un cane sconosciuto, tutte cose che oltre a creare cultura cinofila già a partire dall'età scolare, fanno realmente la differenza tra il beccarsi un morso o meno in determinate circostanze. Completa il tutto, uno spettacolo davvero divertente per i bambini e non solo, mi sento di affermarlo con certezza perchè con le opportune modifiche ed integrazione è uno spettacolo che portiamo in giro da un paio di anni, ricevendo ovunque lodi ed apprezzamento da parte del pubblico presente. 
Mi piace pensare di aver ideato qualcosa di nuovo, divertente e soprattutto educativo.
Che altro dire, se condividi la mia idea, se pensi sia valida ed interessante e se sei in zona non ti resta che contattarmi. 
Antonio Sciarratta

mercoledì 2 aprile 2008

l'importanza di una buona educazione del cucciolo



Premetto, che sono un acceso sostenitore dell'acquistare i cuccioli solo e soltanto da allevatori che allevano con amore selezionando bellezza e carattere.  Ma dovunque decidiate di acquistare i vostri cuccioli ( non nei negozi di animali e comunque mai cuccioli provenienti dall'est europeo) è importante che sappiate che la loro educazione dipende esclusivamente da voi.
Se acquistate un cucciolo di otto settimane, ( è questa l'età in cui il cucciolo ha le maggiori capacità di adattamento rispetto ad un ambiente che sarà gioco forza molto diverso dall'allevamento in cui è cresciuto) dovete provvedere immediatamente alla sua educazione. I cuccioli sono dei cani ed i cani abbaiano, fanno i bisogni, masticano e distruggono, mordono. Se lasciate che il vostro cucciolo si regoli da solo, state pur certi che deciderà da solo quando abbaiare, dove e quando fare i propri bisogni, cosa masticare, se mordere o meno. In questo caso vi state cacciando in un brutto guaio.  E' vostra responsabilità insegnare al vostro giovane amico quando abbaiare, dove e quando fare i bisogni, cosa masticare, a non mordere.  Il problema, ahimè è che nella maggior parte dei casi  voi non sapete da dove iniziare.  La prima cosa da fare è provvedere ad un buona socializzazione, nel senso che il vostro cane ha bisogno di incontrare decine di persone differenti entro i primi tre mesi di vita . Questo incontro deve essere in parte  neutro ( incontri per strada o in corridoio) e in parte positivo con la persona che viene approcciata dal cucciolo ed elargisce il classico bocconcino. E' soprattutto importante che il cucciolo abbia approcci positivi con bambini di sesso e fascia di età diverse. Oltre a questo il vostro cucciolo va portato al più presto in una puppy class, dove può giocare con i suoi simili ,imparare ulteriormente la comunicazione intraspecifica e cosa molto importante  la cosiddetta inibizione del morso, ovvero ad avere una bocca soffice quando morde.  Oltre a questo il cucciolo ha bisogno di imparare le regole di casa, dove fare i bisogni, cosa masticare. Nel primo caso, il mio consiglio è prevenire gli errori e rinforzare il buon comportamento. Non elargite punizioni al cane se dovesse eliminare in un posto sbagliato, ma pulite e cercate di essere più attenti la prossima volta.  Riguardo a insegnare a fido cosa masticare io indirizzerei la sua attività masticatoria verso dei giocattoli da masticare tipo kong  che possono essere riempiti  con le sue  crocchette  o con  altri gustosi bocconcini, evitando anche qui che il cane possa scegliere di masticare qualcos'altro, tenendo il cane in un posto  dove non c'è altro da masticare. Oltre a questo il vostro amico avrà bisogno di imparare a venire quando viene chiamato, a sedersi quando gli viene richiesto, a mettersi a terra, a non saltare addosso per i saluti, a non tirare il guinzaglio. Il mio consiglio è di affidarvi ad un professionista  del settore che lavori con il rinforzo positivo e che sappia guidarvi ad intraprendere un rapporto corretto con il cane fin da subito. Questo eviterà  che abbiate problemi in futuro. Un ultima cosa, diffidate di chi vi dice di lavorare con il rinforzo positivo e poi utilizza collari a strangolo durante le sue lezioni. L'uso di tali strumenti non è mai ammissibile, non fatevi incantare da coloro che vi dicono che qualunque strumento può essere buono se se ne fa un buon uso. Non ci può essere un buon uso di un collare a  strangolo,  l'uso di un collare a strangolo  è solo un abuso.
Antonio Sciarratta

giovedì 20 marzo 2008

siamo di nuovo online

E' finalmente di nuovo online il sito del " Centro Cinofilo Villa Adriana"! C'è voluto un pò di tempo ma pensiamo ne sia valsa la pena!
Visitatelo al seguente indirizzo: http://www.centrocinofilovilladriana.it

lunedì 3 marzo 2008

APNEC



Lunedì 25 febbraio si è svolta presso l'azienda agrituristica " Il tancrè" di Palermo  l'esame di ammissione all'APNEC , associazione professionale nazionale educatori cinofili. L'esame è è stato superato a pieni voti da tutto il gruppo del centro studi del cane Italia.  Complimenti a tutti,  in ordine rigorosamente alfabetico: Deborah Cavallaro (Pa),  Giuseppe Cusumano ( Milazzo) Matteo Degregorio (Ct), Manuela Franco (Pa) Giuseppe Ginevra, (Cl), Antonio Sciarratta (Ag)

sabato 16 febbraio 2008

L'attività fisica del cane



Siamo ormai tutti consapevoli della necessità di una corretta alimentazione e di una buona attività fisica per assicurare delle buone condizioni di vita ad ogni essere vivente, cane compreso.
Sinceramente non vedo alcuna controindicazione a fare vivere un cane in un piccolo appartamento, anzi sono convinto che il nostro amico vive meglio in poco spazio ma insieme a noi che da solo in quattro ettari di terreno.
Quel che è veramente importante però è assicurare a Fido una buona attività fisica che gli consenta di consumare l'energia incamerata durante il pasto e gli assicuri uno stile di vita il più possibile salutare.
Mi sembra chiaro che la semplice passeggiata al guinzaglio per di più per un tempo abbastanza limitato, i classici 10 - 15 minuti, non è assolutamente sufficiente a mantenere un cane in buona forma.
Ricordiamo che uno stile di vita sedentario può il più delle volte portare all'obesità e a conseguenti disturbi articolari e cardiaci.
Ci sono due tipi di esercizi che ci possono aiutare a risolvere il problema: aerobici e anaerobici.
Gli esercizi aerobici rafforzano il cuore e ci aiutano a controllare il peso.
Gli esercizi di questo tipo sono il trotto, il nuoto, correre all'aria aperta, rincorrere e acchiappare una pallina.
Chiaramente l'intensità dell'allenamento dipende dalla razza e dallo stile di vita di Fido, ma diciamo che 3 o 4 sessioni di allenamento settimanale di una ventina di minuti ciascuno  può essere estremamente utile alla salute del nostro cane.
Gli esercizi anaerobici sono invece dedicati allo sviluppo specifico dei muscoli, alla loro forza, alla loro resistenza. Questi esercizi sono dedicati soprattutto ai cani sportivi e da lavoro.
Anche lo stretching ci può essere di aiuto per migliorare la flessibilità in un determinato periodo di tempo . E' ideale per gli esercizi giornalieri.
Un programma di allenamento equilibrato deve prevedere degli esercizi di riscaldamento per iniziare, degli esercizi per mantenere flessibilità e sviluppare forza e degli esercizi di raffreddamento per completare.
Sia il riscaldamento che il raffreddamento possono essere realizzati mediante 4 minuti di trotto.
nel pianificare l'attività ricordate l'importanza dell'età del soggetto, ci sono esercizi adatti a tutte le fasce di età, cuccioli, junior, adulti, anziani, altri adatti solo agli adulti e così via.
Vi sono esercizi che potete fare ogni giorno in casa e altri da fare 2 o 3 volte la settimana per i quali avrete bisogno di avere più spazio meglio ancora se all'aria aperta.
Alcuni esercizi potranno essere svolti anche da cani neofiti, altri avranno bisogno che cani e conduttori conoscano le regole del clicker training.
Anche qui vi esorto a vivere il cane a 360° , a recarvi in un centro di addestramento dove vi possano spiegare cosa fare o non fare per tenere in forma il vostro cane . Non fatevi prendere dalla noia, dalla stanchezza, dalla mancanza di volontà, pensate a quale grande dono è un cane nella nostra vita e predisponetevi a godere di questo dono ogni momento possibile, facendo delle cose insieme, facendogli sentire che è parte della vostra vita.
Senza contare che con ogni probabilità fare un pò di attività fisica insieme a Fido farà bene anche a voi e alla vostra salute.
pensate che bello, un pò come se Fido si prendesse cura di voi e voi di lui, come due grandi amici, i migliori amici che potete avere l'un l'altro.
Antonio Sciarratta